BikeLock

  • Sharelock
  • Sharelock

Traffico, mobilità urbana sostenibile, petrolio oppure energie rinnovabili: argomenti molto sentiti dai cittadini e dalle Pubbliche Amministrazioni, sia per motivi economici che ambientali. Riguardo in particolare la mobilità, si è scoperto come la bicicletta sia il mezzo più veloce nei trasferimenti urbani di corto e medio raggio; in altre parole, il lavoratore che si reca al lavoro nella propria città di norma impiega meno tempo muovendosi in bicicletta che non con la propria automobile o con i mezzi pubblici; ovviamente, senza inquinare.

Per questo motivo, oltre a quello economico ed ambientale, cresce esponenzialmente la sensibilità pubblica verso questo strumento. Vi sono tuttavia alcuni ostacoli oggettivi, come ad esempio la pochezza della rete di piste ciclabili nazionali, ma il maggior deterrente all’uso della bicicletta è il furto: “La piaga del furto di bici è un grave ostacolo alla diffusione dell’uso della bici: sono ormai in molti che per timore dei furti rinunciano ad usare quotidianamente una bici decente (cioè in piena regola col codice della strada) ed optano per bici “minimaliste” arrivando tal volta a mettere a rischio anche la propria sicurezza (mancanza di fanali, freni sgangherati etc... fonte FIAB).

Ciò significa che molti rinunciano a spostarsi in bicicletta perché sanno di avere un’alta probabilità di vedersela sottratta; a maggior ragione se dovessero lasciarla in uno spazio pubblico per un tempo prolungato, ad esempio fuori dal luogo di lavoro o in stazione. Oppure utilizzano biciclette obsolete affinché siano poco attraenti per i ladri.

Per ovviare a questa situazione, i grandi comuni urbani hanno messo a disposizione dei cittadini un servizio di biciclette pubbliche predisposte, il "bike-sharing"; molte stazioni con decine di biciclette ciascuna, che vengono prelevate dall’utente e riconsegnate anche in punto diverso (a Parigi sono circa 16.000) ...